• In totale c’è 1 utente connesso :: 0 iscritti, 0 nascosti e 1 ospite (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
  • Record di utenti connessi: 182 registrato il 28 aprile 2016, 21:09
  • Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Salve Anonymous !


Benvenuto sul Forum di Archeologia. L'Archeologia in rete: il passato a portata di mouse! La comunità online degli archeologi italiani e di tutti gli appassionati d'antichità. Unisciti a noi, l'iscrizione è veloce e gratuita, non mancare!
 

Forum Archeologia Sottoscrivi i nostri aggiornamenti RSS  Condividi  

Dallo scavo alla rete, oltre il web 2.0.
Questo forum di archeologia vuole essere il punto di riferimento per gli archeologi e gli appassionati della materia. Una comunità aperta, indipendente, fatta dagli archeologi per gli archeologi, secondo il principio della condivisione libera. Unisciti e porta il tuo contributo per accrescere i contenuti della piattaforma ed arricchire le tue conoscenze!

Antica Roma

NUOVI CROLLI, VECCHI PROBLEMI...

L'Urbs per eccellenza del mondo antico

NUOVI CROLLI, VECCHI PROBLEMI...

Postda FRANCIS » 22 settembre 2012, 10:10

Carissimi amici,

da qualche mese non scrivo né pubblico interventi sul Forum, avendo diverse incombenze che mi occupano, tuttavia non ignoro le pagine dedicate all'archeologia o, meglio, alle notizie che dovrebbero allarmare tutti sul reale stato nel quale versano le vestigia dell'antichità.

In alcune occasioni ho riletto circa l'abbandono di Pompei, oppure dell'area nella quale sorge Villa Adriana od, infine, della magnificenza del glorioso Anfiteatro Flavio, temi trattati precedentemente.

Non credo di dovermi ripetere, avendo ampiamente espresso il mio pensiero e le mie perplessità, tuttavia vorrei ribadire semplicemente che, nelle vesti di cultore del passato e delle affascinanti civiltà sepolte, dovremmo seriamente tutelare le testimonianze che ci riguardano.

Sembra - soltanto apparentemente - un'ovvietà, sebbene non credo ci si debba assuefare al distacco, all'ignoranza o al disinteresse che taluni dimostrano quotidianamente: parliamone, destiamo le coscienze da un assurdo imperante torpore.

Scusate, però, la preminenza delle mie argomentazioni, essendo dettate da un amore autentico per le antiche pietre che ci circondano: sono il passato e le radici sulle quali il tempo ed il mondo sono avanzati, senza arrestarsi, benché (spesso) incuranti i contemporanei tacciano...

Saluti,

Francis
"Cogito ergo sum"
Cartesio
FRANCIS
Oplita
Oplita
 
Posts: 58
Iscritto il: 3 ottobre 2011, 11:03

Re: NUOVI CROLLI, VECCHI PROBLEMI...

Postda zilc » 22 settembre 2012, 13:19

Bentornato Francis, se hai ripreso a scrivere son contento, poi naturalmente ci farai sapere i titolo, in modo che possiamo leggerti. ;)

Il dramma è continuo, riguarda infiniti siti, ma non solo, riguarda scavi che non sono mai stati pubblicati, siti scavati eppoi dimenticati, rapporti di scavo perduti, materiali catalogati dei quali si è persa la catalogazione, gli originali dispersi... L'elenco sarebbe lunghissimo e la perdita di un bene ben conosciuto è minore rispetto a quanto è sconosciuto.
Non ho soluzioni.
O meglio, cosa fare lo sanno tutti, soprattutto gli addetti.
Il problema è qui.
ciao
zilc
"…purtroppo quelli che scavano e non pubblicano i risultati delle loro scoperte, continuano a godere credito e non vengono considerati quello che invece sono, cioè “Criminali Accademici”.
Rhys Carpenter
zilc
Pretoriano
Pretoriano
 
Posts: 302
Iscritto il: 8 aprile 2011, 8:25

NUOVI CROLLI, VECCHI PROBLEMI...

Postda FRANCIS » 22 settembre 2012, 14:20

Caro Zilc,

ti ringrazio molto per la risposta, che manifesta avvedutezza e preparazione, specialmente in relazione al problema della conservazione dell'immenso patrimonio che i nostri avi e la storia hanno riservato al Paese nel quale viviamo.

Ho letto attentamente le tue parole che, come in altre circostanze, esprimono uno spirito ed uno slancio divenuti assai rari nel nostro tempo.

Probabilmente, credo, è la stessa mancanza di queste qualità una delle motivazioni per le quali dobbiamo trattare tali argomenti, dove l'incuria e l'incompetenza (sciaguratamente un diabolico connubio) aggiungono problemi invece che trovarne sapientemente le soluzioni.

Il nostro patrimonio richiederebbe cura, competenza, dedizione da parte delle istituzioni e dei cosiddetti "addetti ai lavori"; purtroppo, sembrano non rendersene conto, nonostante i ripetuti allarmi.

Ricordo che hai una speciale predilezione per gli Etruschi, come non esserne d'accordo: suscitano grande interesse anche in me. Certamente avrai molto da condividere con noi in merito a questa importante civiltà.

Ti ringrazio del messaggio, al quale ho cercato di rispondere sempre con cortesia e viva cordialità.

Saluti,

Francis
"Cogito ergo sum"
Cartesio
FRANCIS
Oplita
Oplita
 
Posts: 58
Iscritto il: 3 ottobre 2011, 11:03


Torna a Antica Roma

cron

Login