• In totale ci sono 2 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 2 ospiti (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
  • Record di utenti connessi: 182 registrato il 28 aprile 2016, 21:09
  • Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Salve Anonymous !


Benvenuto sul Forum di Archeologia. L'Archeologia in rete: il passato a portata di mouse! La comunità online degli archeologi italiani e di tutti gli appassionati d'antichità. Unisciti a noi, l'iscrizione è veloce e gratuita, non mancare!
 

Forum Archeologia Sottoscrivi i nostri aggiornamenti RSS  Condividi  

Dallo scavo alla rete, oltre il web 2.0.
Questo forum di archeologia vuole essere il punto di riferimento per gli archeologi e gli appassionati della materia. Una comunità aperta, indipendente, fatta dagli archeologi per gli archeologi, secondo il principio della condivisione libera. Unisciti e porta il tuo contributo per accrescere i contenuti della piattaforma ed arricchire le tue conoscenze!

Antica Roma

Pronuncia della lingua latina

L'Urbs per eccellenza del mondo antico

Re: Pronuncia della lingua latina

Postda SalvoF » 11 dicembre 2017, 15:31

DanieleMi ha scritto:Ciao SalvoF,
non sempre però la pronuncia di una parola corrisponde allo scritto, guarda ad esempio alla lingua inglese dove ci sono parecchi termini che sono scritti in un modo ma pronunciati in modo diverso: es. enough pronunciato inaf, oppure laughter pronunciato lafter o cough pronunciato cof.
In prossimo post pubblicherò anche esempi del latino dove pare altamente probabile, come citato da diversi autori latini tra cui Quintiliano e Cassiodoro, che le lettere "m" ed "s" finali di parola erano talvolta o non pronunciate del tutto o debolmente pronunciate

Ciao Daniele,
si mi e' chiarissimo. Tra l'altro vivo a New York e parlo inglese.
Il caso dello spelling inglese pero' e' diverso. L'inglese moderno e' un coacervo di tre lingue: il sassone, il franco/romanzo, il latino. L'attuale spelling deriva da queste tre lingue a seconda dell'origine del vocabolo. Inoltre e' un caso di spelling condervativo come ce ne sono moltissimi al mondo, cioe' di pronuncia che evolve a fronte di uno spelling che viene "congelato".
Facciamo l'esempio delle parole di derivazione sassone... il loro spelling in origine era fonetico. Ad esempio night (notte) veniva proprio pronunciato night in sassone come similmente oggi in tedesco. Questo e' vero per un po' tutte le parole sassoni e per le parole latine. Quelle dal francese invece avevano gruppi di vocali e dittonghi che erano convenzionalmente li' per riprodurre i suoni francesi, come nel francese moderno, e con regole fisse di pronincia. Questo fa nascere un gran minestrone in cui non esiste una regola ben precisa per pronunciare l'inglese moderno.

Tornando al latino... qui osserviamo un effetto opposto al passaggio tra il latino propriamente detto (che chiamiamo arcaico) ed il latino classico. Tale effetto e' un riaggiustamento in senso fonetico dello spellin per riprodurre i mutamenti di pronincia introdotti col latino classico. Questa fu, lo ricordiamo, una sorta di introduzione di una lingua nazionale dui domini romani diventati estesi. Una operazione simile alla koine' greca ed al moderno italiano e tedesco. Sicuramente avendo attinto a parlate anche lontane dall'urbe.
La prova della prununzia in -us la si ha gia' dal fatto che la stragrande maggioranza delle lingue romanze, eccetto italiano e castigliano, la conservano. Praticamente le aree dove non si e' conservata sono quelle aree (Italia centro-settentrionale) ove gia' si parlava latino all'introduzione del latino classico e le aree della spagna popolate dalle legioni italiche.
La pronuncia in -us e' stata anche tramandata nell'ecclesiastica.
Quello che pero' sicuramente successe e' che ove si usava la antica pronuncia in -os essa sia stata amntenuta nel parlato e sia poi sfociata nei dialetti romanzi di quelle regioni.

Come vedi qui siamo in presenza di una variazione sicura, documentata dalla variazione ortografica e con entrambe le forme che si rispecchiano nei diversi dialetti romanzi.
Quello che trovo strano e' che invece cose come la K e G velari di fronte ad e ed i non si rispecchino in nessun posto se non in qualche parola (non tutte) di alcuni villaggi sardi. Eppure stando alla vulgata corrente tali modifiche di pronuncia sarebebro dovute avvenire mooolto piu' di recente rispetto al passaggio di -os ad -u di cui invece si riscontra amplissima traccia.
SalvoF
Cavernicolo
Cavernicolo
 
Posts: 15
Iscritto il: 21 dicembre 2016, 20:20

Re: Pronuncia della lingua latina

Postda DanieleMi » 16 dicembre 2017, 15:28

Devo recuperare l'articolo però tempo fa lessi un documento in cui l'autore sosteneva che il carattere "I" in latino veniva pronunciato in modo differente se quell' "I" avesse avuto valore vocalico oppure valore consonantico (ed in quest'ultimo caso la pronuncia ecclesiastica o tràdita sarebbe non esatta): quando la "I" ha valore vocalico la pronuncia è quella nota, mentre quando ha valore consonantico, come ad esempio in IUPPITER (la prima "I", quella con valore consonantico) la pronuncia sarebbe stata o DIUPPITER o GIUPPITER (o un suono "via di mezzo"): questo fatto si poggia sull'etimologia di IUPPITER (in altri casi DIESPITER --> DEUS o ZEUS PATER, contenente una radice sanscrita, dal significato di "Lo splendente").

Gli italici hanno sempre tenuto traccia nel "parlato" di tale pronuncia, e lo prova il fatto che sostanzialmente tutte le parole latine in cui la "I" ha valore consonantico vengono rese in italiano con la pronuncia "GI", ad esempio:

- IUPPITER - IOVIS --> GIOVE
- IANUS --> GIANO
- IANUARIUS --> GENNAIO
- IURISPRUDENTIA --> GIURISPRUDENZA
- IOHANNES --> GIOVANNI
- IUNO --> GIUNONE
- IUDEX --> GIUDICE
- IUVENTUS --> GIOVENTU'
- IUSTITIA --> GIUSTIZIA
- IULIUS --> GIULIO
- IAM --> GIA'
- IUVENIS --> GIOVANE
- IUSTUS --> GIUSTO
- IURARE --> GIURARE

etc...

Pare quindi che per la pronuncia della "I" consonantica la pronuncia 'all'italiana' sia ancora più fedele della pronuncia ecclesiastica
DanieleMi
Cavernicolo
Cavernicolo
 
Posts: 24
Iscritto il: 21 dicembre 2012, 11:01

Re: Pronuncia della lingua latina

Postda SalvoF » 20 dicembre 2017, 0:48

Daniele,

Si è un articolo che lessi anche io benchè sia datato al secolo scorso... Non sono gli italici ma anche i francesi hanno traccia di tal pronuncia.
SalvoF
Cavernicolo
Cavernicolo
 
Posts: 15
Iscritto il: 21 dicembre 2016, 20:20

Re: Pronuncia della lingua latina

Postda DanieleMi » 29 dicembre 2017, 14:24

Riguardo la pronuncia di termini italiani derivati dal latino, mi sono sorti dei dubbi:
se cerco su un dizionario, ad esempio lo Zingarelli, la parola "CONSOLE" (intesa come magistrato/carica-diplomatico), esso mi segnala che la pronuncia in italiano standard prevede la prima "O" pronunciata in modo aperto --> CÒNSOLE (con l'accento grave).
Il dizionario mi segnala inoltre che deriva dal latino "cōnsule(m)" con la "o" che ha l'accento lungo come quantità vocalica.

Però, una "O" con accento lungo latino ha il proprio esito in italiano in una "O" con pronuncia chiusa, non aperta: mi aspetterei quindi che la pronuncia di "italiano standard", dovendo essere quella più vicina al latino, dovrebbe essere "CÓNSOLE", con la prima "O" pronunciata chiusa.

E questo l'ho notato anche per altri termini, come "SPOSA", in italiano standard pronunciato "SPÒSA" con la O aperta, ma derivando dal latino "spōnsa(m)", anche qui, avendo una o con accento lungo, l'esito corretto italiano dovrebbe essere "SPÓSA", con la O chiusa.

Che ne pensate?
Ci sono degli elementi che mi sfuggono o che non sto considerando ?

Auguri di buone feste, tralaltro! ;-)
DanieleMi
Cavernicolo
Cavernicolo
 
Posts: 24
Iscritto il: 21 dicembre 2012, 11:01

Re: Pronuncia della lingua latina

Postda zilc » 31 dicembre 2017, 16:24

AUGURI A TUTTI PER IL PROSSIMO ANNO!
"…purtroppo quelli che scavano e non pubblicano i risultati delle loro scoperte, continuano a godere credito e non vengono considerati quello che invece sono, cioè “Criminali Accademici”.
Rhys Carpenter
zilc
Pretoriano
Pretoriano
 
Posts: 302
Iscritto il: 8 aprile 2011, 8:25

Re: Pronuncia della lingua latina

Postda DanieleMi » 7 gennaio 2018, 10:32

Auguri a tutti di buon anno!
Qualche commento sui miei interventi precedenti ? :)
DanieleMi
Cavernicolo
Cavernicolo
 
Posts: 24
Iscritto il: 21 dicembre 2012, 11:01

Precedente

Torna a Antica Roma

cron

Login